25 Settembre 2020

CENTRODESTRA UNITO

QUELLO DEI CITTADINI !!

Anche topi e zanzare si candidano a Termini Imerese?

Termini Imerese purtroppo ha avuto Amministrazioni comunali che sotto il profilo della Salute pubblica sono state molto superficiali se non addirittura assenti e la città ne sta pagando le conseguenze.

Ci sono Topi che vagano tranquillamente persino al Belvedere, che è uno dei “fiori all’occhiello” Termitano con la sua “finestra” spalancata sul mare, se un turista o un cittadino va a gettare rifiuti nei cestini rischia di vedersi assalito da topi.

Per questo occorre ringraziare le Amministrazioni comunali, anzi in particolare la Amoroso e la Terranova poi e tutti gli altri membri del Consiglio comunale che, non hanno fatto nulla di concreto per obbligare il Commissario a intervenire.

Pulci, pidocchi, acari dei topi, possono innescare temibili malattie nell’uomo, sono anche portatori di germi patogeni in grado di contaminare oltre agli ambienti anche gli alimenti. Insomma, i ratti sono considerati molto pericolosi sia per gli uomini che per gli altri animali. In Italia la disinfestazione contro topi e zanzare è regolamentata, infatti anche le zanzare non si limitano al solo fastidio e prurito, purtroppo, c’è il rischio di esporsi alle malattie anche mortali che questi insetti possono trasmettere.

Un tema che tocca la salute pubblica, e le casse comunali, mi chiedo, se non sono state prese le misure adeguate e idonee per la salute Pubblica, non sarà perché a Termini anche topi e zanzare si candidano? O portano voti?

Oppure è semplicemente perché qualcuno che aveva il dovere di fare per la collettività non ha fatto?

Intanto grazie anche al non fare, della Amoroso e della Terranova, Termini è immersa nel degrado. Se votassero topi e zanzare la popolazione crescerebbe a dismisura, e la Terranova e l’Amoroso potrebbero riuscire anche ad avere i voti per dividersi la poltrona da Sindaco in due, ma siccome voteranno solo gli elettori, non so se saranno così contenti da dargli il loro voto per continuare a non fare quello che invece si poteva fare. Stando così le cose ed escludendo il voto di topi e zanzare è facile pensare che il futuro Sindaco di Termini sarà la Vallelunga, perché è certo che la Vallelunga, attenta com’è alle problematiche legate alla salute e con le sue competenze, non avrebbe MAI permesso che la città si riducesse così.

Mulino Francesco Maurizio